SegrateToday

Paolo Micheli post elezioni: "Grazie ma un gran lavoro mi attende"

Intervista al neo sindaco Paolo Micheli. Nonostante la felicità per la vittoria, mantiene i piedi per terra: "La metà dei segratesi non è andata a votare. Io voglio essere il sindaco di tutti"

Paolo Micheli

Il neo sindaco di Segrate Paolo Micheli ricorda quella notte del 14 giugno scorso in cui, ormai rassegnato per una nuova vittoria del centodestra, nel giro di pochi minuti realizza di essere il vincitore: di essere il nuovo sindaco di Segrate. Proprio lì, nella "terra del Cavaliere", dove Silvio Berlusconi ha costruito Milano 2 ed ha insediato le aziende più importanti della sua famiglia. Proprio lì, quest'anno è successo l'impensabile.

Una vittoria di certo inaspettata per molti: come è stata possibile? L'abbiamo chiesto a lui stesso che gentilmente si è prestato ad una breve intervista serale: "I segratesi non sono estremisti e di certo la mia vittoria non prova che siano cambiati o che siano diventati di sinistra. Ai segratesi piace ragionare ed il centrodestra ha condotto una campagna elettorale dai toni troppo accesi. Ho grande stima per Tecla Fraschini. Se ha perso non è per colpa sua ma per le persone che aveva attorno. I cittadini chiedono un cambiamento". 

Il neo sindaco, felice per il nuovo incarico ringrazia tutti i cittadini che l'hanno votato ma rimane con i piedi per terra: "Ringrazio ma ho ben presente che ho un compito difficile: essere il sindaco di tutti i segratesi. Non va dimenticato che metà di loro non è andata a votare e che pochissimo meno della metà dei votanti al ballottaggio avrebbe voluto Tecla Fraschini al mio posto. Cercherò di essere un buon sindaco con tutto il mio impegno".

Inizia così l'amministrazione Micheli: dopo la nomina dei sette assessori e l'idea degli "assessori di quartiere", parte in quarta sulla questione del Golfo Agricolo emanando un'ordinanza che ferma i lavori di recinzione dai campi decisi dalla proprietà e che obbliga quest'ultima a rimuovere ciò che è stato già installato. 

Venerdì 3 luglio alle ore 18 il consiglio comunale si riunirà per la prima volta. All'ordine del giorno: 

- il giuramento del sindaco e la presentazione delle linee programmatiche

- l'elezione del presidente del consiglio comunale

- l'elezione dei vice presidenti del consiglio comunale 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

- la comunicazione dei capi gruppo consigliare.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus, quando si azzerano i contagi a Milano e in Lombardia: le prime previsioni

  • Coronavirus, quando finisce quarantena? "Le misure saranno allungate oltre 3 aprile"

  • Coronavirus: contagi in calo in Lombardia, ma 458 morti in un giorno. A Milano 3.560 positivi

  • Coronavirus, morto barista milanese di 34 anni: lascia un bimbo di 1 anno

  • Coronavirus, per la Regione "dati confortanti" ma la crescita dei contagi (e dei morti) è senza fine

  • Violente risse nella notte: uomo trovato con avambraccio squarciato

Torna su
MilanoToday è in caricamento