SegrateToday

Svastica e croce celtica sull'auto del figlio dell'ex assessore: "Grazie neofascisti"

La denuncia di Viviana Mazzei, ex assessore al comune di Segrate. Le immagini

L'ex assessore e uno degli sfregi sull'auto

Sfregio neofascista all'auto del figlio di Viviana Mazzei, l'ex assessore al comune di Segrate che a giugno scorso ha lasciato l'incarico per impegni professionali. 

A denunciarlo, con tanto di foto, è stata lei stessa con un post pubblicato su Facebook domenica sera. "Questa è la portiera della macchina di mio figlio. Svastica e croce celtica. Grazie neofascisti di Redecesio, sappiamo benissimo chi siete", ha scritto la Mazzei, che era stata anche candidata alla ultime regionali appoggiando la corsa a presidente di Giorgio Gori. 

"Quello che non sapete voi - ha sottolineato con un filo di sarcasmo - è che nel mio assessorato ho fatto in modo che in via delle Regioni, dove voi avete espresso la vostra creatività, venissero installate delle videocamere, chissà se siete fotogenici". 

Quindi, una promessa: "Nei prossimi giorni le forze dell'ordine faranno il loro dovere, ma io mi chiedo, cosa credete di aver ottenuto? Ci avete fatto una pessima figura. Violenza e sopruso, questo è il linguaggio che conoscete. Sappiamo chi siete e - ha concluso la Mazzei - questa volta mammina e papino non potranno coprirvi. Alla prossima guys". 

Foto - La croce celtica sull'auto

croce celtica auto-2

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Si è scambiata un'infezione appena più seria di un'influenza per una pandemia letale"

  • Coronavirus, tutte le scuole di Milano e provincia chiuse: ecco l'elenco dei comuni

  • Milano, primi casi di coronavirus accertati in Lombardia: 38enne ricoverato a Codogno

  • Coronavirus, altro contagio: positivo al virus un 40enne che lavora a Cesano Boscone

  • Coronavirus, primi 2 casi a Milano: contagiati a Sesto e Mediglia, "caccia" al vero paziente 0

  • Coronavirus, sale il numero dei contagiati in Lombardia: sono 47. Due casi nel milanese

Torna su
MilanoToday è in caricamento